Freie Volksmission

Jesus Christus ist derselbe gestern, heute und in Ewigkeit. Heb.13.8

Sprache

RIASSUNTO RIUNIONI KREFELD - Dicembre 2006 / Ewald Frank




Cari fratelli e sorelle in Cristo, è il fratello Frank che vi parla dal Centro Missionario in Krefeld, Germania. È sempre un particolare privilegio per me condividere con voi quello che Dio fa intorno al mondo. Ognuno di voi naturalmente sa, ciò che il Signore fa nella vostra vita, nella comunione che avete nella chiesa che frequentate. Tuttavia, noi trattiamo le Scritture pertinenti a tutta la Chiesa del Dio vivente sulla faccia della terra. Noi crediamo che Dio ha mandato un messaggero e un messaggio, non per una chiesa locale ma per l’universale Corpo di Cristo. E noi crediamo che questo messaggio originale della Parola di Dio è condiviso e predicato con tutti gli abitanti della terra. Noi al Centro Missionario guardiamo indietro ad un grande fine settimana nel Signore. Dio ha di nuovo portato persone da tutta l’Europa e da diverse nazioni.

Cari, noi condividiamo semplicemente la Parola di Dio con il popolo di Dio, mostrando che le profezie della Bibbia e le predizioni vengono ora adempiute, e mostrando pure dalla Sacra Scrittura l’importanza di rimanere solo nella Parola di Dio, per fare della Parola di Dio il nostro assoluto. Io conosco alcuni che credono il Messaggio del Tempo della Fine, che fanno certe affermazioni, per esempio, dicendo: «il mio assoluto è il Messaggio.» Cari, ciò suona bene, ma dopo, di nuovo dovete dirmi, se un sermone predicato per due o tre ore, sia tutto il Così dice il Signore. Cari, noi dobbiamo tornare alla realtà, e dobbiamo farlo molto velocemente. Il messaggio viene interpretato in tanti e tanti modi diversi, e ogni fratello ritorna indietro ad una affermazione fatta dal fratello Branham. Tuttavia, nessuno ritorna indietro alla Parola di Dio, e quello è il grande problema, e quello è ciò che io devo enfatizzare, che William Branham, il quale ho conosciuto per dieci anni, sono stato nelle sue riunioni in Germania, nelle sue riunioni negli Stati Uniti, ho guidato con lui nella stessa macchina, conosco il suo incarico e conosco il suo ministero. Egli era il profeta promesso da Dio che doveva venire prima del grande e terribile giorno del Signore. Tuttavia, egli non ha portato una nuova religione, ma ci ha riportati indietro all’originale Parola di Dio, ed ecco dove le persone mancano il bersaglio.

        Ora, per assicurarmi che voi comprendiate che questo è ciò che cerco di dire, persino quelli che si sono fuorviati in diverse dottrine, riguardo a i tuoni, al terzo pull, alla visione della tenda e quello che voi avete. Io chiedo di nuovo, perché non esaminate quelle affermazioni e quegli insegnamenti con la Parola di Dio. Se voi non potete predicarlo dalla Santa Parola di Dio, è meglio che lasciate ciò e lo lasciate a Dio una volta per tutte. Poiché la Scrittura dice, 2. Timoteo cap. 4, che noi dobbiamo predicare la Parola in tempo e fuor di tempo, ogni volta e dovunque possa essere. Noi dobbiamo predicare la Parola di Dio, e quelle cose che non sono scritte nella Scrittura, dobbiamo lasciarle a Dio. È impossibile predicare qualcosa che non è scritta nella Parola di Dio, e chiunque lo fa, e persino se un angelo venisse dal cielo e insegnasse qualcosa che non si trova nella Parola di Dio, rimandatelo indietro da dove è venuto. Lo ripeto, io credo nel ministero che il fratello Branham ha ricevuto, io conosco il suo infallibile dono profetico, quando egli vedeva visioni e così via.

Tuttavia, voi non potete fare una dottrina da ogni affermazione; voi dovete riportare ogni enunciazione indietro alla Parola di Dio, e allora avete la certezza che Dio l’ha detto e voi potete dirlo di nuovo. Giusto per farvi sapere che questo è ciò che cerco di trasmettervi, in Zaccaria cap. 2, verso 12, noi leggiamo in merito ad Israele, «E l'Eterno possederà Giuda come sua parte nella terra santa, e sceglierà ancora Gerusalemme.» Dio non riceverà gli Ebrei che si trovano a New York, o a Mosca, oppure a Berlino, essi devono ritornare nella Terra Promessa, per avere parte in quello che Dio ha promesso loro. Nella stessa maniera, tutti quelli che fanno parte della Chiesa del Nuovo Testamento, devono venire nella Parola promessa per questo giorno. E noi comprendiamo, per la grazia di Dio, che William Branham era un profeta promesso; se non riconosciamo che lui è quel profeta, non presteremo mai orecchio al messaggio.

E di nuovo, se ascoltiamo quello che Dio ha da dire, dobbiamo ritornare indietro agli insegnamenti originali che sono usciti da Gerusalemme, proprio come gli Ebrei devono ritornare a Gerusalemme, alla terra promessa; noi dobbiamo ritornare alla Parola che è uscita da Gerusalemme, al primo sermone predicato il giorno di Pentecoste, a tutti gli insegnamenti che sono usciti proprio dal principio nella Terra Santa, nella Chiesa del Dio vivente, predicati e insegnati dagli apostoli. Noi dobbiamo essere riportati indietro al principio, e i cuori dei figli di Dio devono essere volti indietro ai padri apostolici.

Queste affermazioni, il fratello Branham le ha fatte continuamente, per riportarci indietro, per riportarci indietro, non per allontanarci dalla Parola, ma per riportarci indietro alla Parola uscita dalla Terra Santa, proprio dal principio a Gerusalemme. E noi crediamo, io credo con tutto il mio cuore che William Branham era quell’uomo mandato da Dio, con il messaggio di Dio, per il popolo di Dio. Allo stesso tempo, ho tradotto i suoi sermoni in lingua tedesca, conosco le varie affermazioni che egli ha fatto in merito allo stesso soggetto. Dunque, come ho detto prima, è necessario riportare ogni cosa indietro alla Parola di Dio; persino Apocalisse cap. 10, noi dobbiamo credere la Parola di Dio nel modo in cui è scritto, altrimenti, altrimenti, interpreteremo in modo sbagliato, e comprenderemo in modo errato le affermazioni del fratello Branham. Persino il suo riferimento in Apocalisse cap. 10, verso 7, è molto facile, egli era il messaggero dell’ultima epoca della chiesa, e lì c’è la promessa, che quando l’ultimo angelo con la tromba suonerà, allora il mistero di Dio terminerà. Allo stesso tempo, al fratello Branham fu dato di usare quella Scrittura per il Suo ministero, perché egli era il messaggero dell’ultima epoca della chiesa, non l’ultimo angelo con la tromba. E perciò, egli poteva usare quella Scrittura; tuttavia, se avete fatto caso, egli parlava sempre al plurale, non al singolare, che i misteri di Dio sarebbero terminati.

Tuttavia, la Bibbia parla riguardo al mistero, in relazione al settimo angelo con la tromba, al singolare; ma il fratello Branham, il messaggero della settima epoca della chiesa, ha rivelato tutti i misteri nascosti nella Parola di Dio, dalla Genesi fino all’Apocalisse. Così noi vediamo la diretta applicazione, tuttavia, c’è bisogno di intendimento divino. E, fratelli, io non giudico, dico semplicemente questo, c’è bisogno di una chiamata divina al ministero, specialmente per il ministero d’insegnamento, per piazzare ogni cosa correttamente, secondo il piano di Salvezza.

Cari, possa Dio benedirvi, e, se possiamo esservi d’aiuto, condividendo tramite letteratura i soggetti della Santa Parola di Dio, per favore fatecelo sapere. Auguro speciali benedizioni a tutti i fratelli nel ministero durante la stagione, e possa Dio essere con voi finché il nostro Signore ritornerà. Siate benedetti nel nome santo di Gesù. Amen.